Rispondi 
 
Valutazione discussione:
  • 0 voti - 0 media
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
ACIDO CLOROGENICO
04-06-2013, 11:27 PM
Messaggio: #1
ACIDO CLOROGENICO
L'ACIDO CLOROGENICO è uno dei composti polifenolici più importanti contenuti nel caffè verde, che si perde tuttavia durante la tostatura dei chicchi per l'ottenimento della polvere di caffè da consumare come bevanda. L'acido clorogenico si trova prevalentemente nei semi ma anche nelle foglie e nei frutti.
Dotato di un notevole potere antiossidante si presta a diventare uno dei più innovativi 'phytochemical'. Studi preliminari circa la sua farmacocinetica nell'organismo umano indicano che l'assorbimento avviene a livello intestinale e in gran parte dopo idrolisi ad acido caffeico. Chimicamente infatti l'acido clorogenico è l'estere dell'acido caffeico.
La scoperta più importante fatta è la capacità dell'acido clorogenico di intervenire nella regolazione dei livelli di glucosio nel sangue, per azione specifica sulle reazioni di gluconeogenesi e glicogenolisi epatica. Studi farmacologici hanno già dimostrato che l'acido clorogenico è un inibitore della glucosio-6-fosfatasi, un enzima che svolge un ruolo di primaria importanza nell' omeostasi glicemica del sangue.
Questi risultati sono stati poi confermati da studi in vivo in cui si evidenzia che, proprio grazie a questo meccanismo d'azione, l'acido clorogenico è in grado di ridurre la glicogenolisi epatica (la trasformazione del glicogeno a glucosio nel fegato) e il glucosio circolante. Si verifica pertanto un abbassamento del tasso ematico di glicemia nel sangue e un aumento delle concentrazioni epatiche di glucosio-6- fosfatasi e di glicogeno.
L'effetto sul controllo degli zuccheri nell'organismo è amplificato da un secondo meccanismo: l'inibizione del loro assorbimento. Si ipotizza che questo avvenga attraverso un meccanismo di intervento specifico e diretto sulle cellule della mucosa intestinale, determinando una riduzione del passaggio in circolo degli zuccheri introdotti con il cibo. Per sfruttare al meglio queste proprietà è stato messo a punto uno speciale estratto di Caffè verde titolato in acido clorogenico al 60% (con un bassissimo contenuto di caffeina (< 2%), che è quindi in grado di: accelerare il metabolismo degli zuccheri, di abbassare il picco glicemico, di intervenire sull'assorbimento di glucidi introdotti con la dieta e di controllare la sintesi di lipidi insulino-dipendente. Infine va ricordato che, l'acido clorogenico, applicato per via topica, ha un intenso effetto drenante, utilissimo per contrastare il ristagno dei liquidi in eccesso tipico dei tessuti cellulitici.
Gli estratti di caffè verde sono pertanto dei potenti antiossidanti, utili per contrastare lo stress ossidativo e l'invecchiamento, a cui si aggiunge la capacità di controllo degli zuccheri utile in stati pre-diabetici e nel calo ponderale. Il Caffè verde è ritenuto una pianta sicura. Gli studi farmacologici e clinici disponibili non riportano tossicità, nè effetti collaterali significativi e non sono note controindicazioni particolari, eccetto per l'ipersensibilità individuale. Non usare in gravidanza ed allattamento.
Riassumendo le sue proprietà sono:
antiossidante, antibatterico, ipoglicemizzante, favorente la perdita di peso, antinvecchiamento.
Dott. Fabrizio Tamburini
Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
Rispondi 


Vai al forum: